giovedì 10 dicembre 2009

verze sofegae

Qualcuno dei miei fedeli amici forse si sarà accorto che in questo blog non si mangia più.
E' vero.
Ho vissuto un'amara delusione gastronomica e ho dovuto far passare un pò di tempo per metabolizzare questa sconfitta e riacquistare fiducia...
Tento di risalire la china con una ricetta facile facile ma particolarmente saporita.
Per iniziare traduco subito il termine "sòfegae" che sta per "soffocate" in quanto cotte a fuoco lento e con il coperchio. Interessante anche il il termine "sòfego", ma questa è un'altra storia.

Taglio la verza a listarelle sottili mentre nel frattempo soffriggo aglio e cipolla nell'olio EVO con la pancetta tagliata a dadini; aggiungo le verze e lascio cucinare a fuoco basso con il tegame coperto. Le verze si cucinano lentamente nella propria acqua. Se non sono ancora cotte aggiungere solo un pò di brodo vegetale.
Ogni tanto una mescolata e alla fine un assaggio per aggiustare di sale.
Molto gustose, con un buon piatto di carne e l'immancabile polenta.
Ah, dimenticavo, un buon bicchiere di vino rosso accompagna il tutto molto bene!


16 commenti:

  1. Che buone!
    Con la polenta!
    Che voglia, mamma mia!

    RispondiElimina
  2. wow... mi fai venire fame!!! :)

    RispondiElimina
  3. Boh...non capisco... ;-)
    La pancetta e' bene che sia bella grassoccia.
    E' vero che non e' massimo del dietetico ma se facciamo come tanti che cercano il magro ad ogni costo tanta vale usare delle strisce di cuoio.

    Buona appetito!!! :-)))

    RispondiElimina
  4. sono squisite Gaz!è una ricettina di casa ...
    un bacione
    Ale

    RispondiElimina
  5. questa me la stampo, la metto via e la propongo al momento opportuno! Grazie mille, mi serviva ;-)

    RispondiElimina
  6. Scusa, dimmi cosa o chi ti ha dato la delusione gastronomica e io l'avveleno!
    Comunque, le verze in questo periodo sono divine.

    RispondiElimina
  7. @guerreronegro, benvenuto!
    Ma dimmi, qualche reminiscenza veneta? ;)

    @giardigno, gusti decisi anche per te! ciao

    @Elena, obiettivo raggiunto, allora! ciao cara!

    @Caigo, ;)
    Con me, purtroppo (e dico purtroppo perchè un pò di dietetico mi farebbe bene hehehe), sfondi una porta aperta... a presto!

    @Re, glom mi piace...lo adotto! :D

    @Alessandra, è vero, dei nostri vecchi :)
    un bacione a te

    @thelonious, ho piacere, spero di non farti fare brutta figura... hehehe
    ciao

    @Franz, cara, lo so che posso contare su di te e ti ringrazio, ma stavolta ho fatto tutto da sola :D
    Grazie della visita

    RispondiElimina
  8. "Chez Gaz" prego siori, da questa parte, cucina casalinga, ricette tipiche condite con la consueta, cordiale accoglienza della padrona di casa... ti ci vedrei Gazzettina nei panni dell'ostessa! Le verze a me vengono una schifezza,ma ora ho capito perchè: non ci ho mai messo la pancetta!
    Ciao cara.

    RispondiElimina
  9. Reminiscenze trevigiane ('58-'77) e trentine ('94-'00).

    RispondiElimina
  10. Ti dirò, una sofegada me la farei proprio volentieri... :-D
    Ciao cara, sono tornata!

    RispondiElimina
  11. @Filo, non mi dispiacerebbe sai... ostessa :D
    Se ti piace, buone le verze anche con la salsiccia! Un abbraccio :)

    @guerreronegro, ah ecco... tutto chiaro ;)

    @Viviana, che piacere risentirti, bentornata !!!

    RispondiElimina
  12. e queste non le ho commentate? ma son stordì? bone... io in realtà le faccio senza pancetta ma a un certo punto della cottura ci aggiungo un per de luganighe... così ho il mio piatto unico

    RispondiElimina
  13. Giuly penso sia il periodo, io sono riuscita a dimagrire durante le vacanze di natale O_o.

    RispondiElimina
  14. fatte questa sera seguendo pari pari la tua ricetta... buonissime, come quelle che faceva la mi' mamma! :-)

    RispondiElimina

Se possibile, non commentare come "Anonimo": nel sottostante menù a tendina è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi non ha un blog/sito può lasciare vuoto il campo "URL".