domenica 30 agosto 2009

insalata di riso

insalata di riso
Un pò di tempo fa feci un post nel quale difendevo a spada tratta la buona abitudine di cucinare con lentezza, schierandomi apertamente contro l'uso indiscriminato della cottura veloce, soprattutto per pietanze che richiedono una particolare attenzione, come i risotti, per l'appunto.
Oggi ritorno sull'argomento, sempre con il riso ingrediente principale, ma preparato in versione estiva.
In commercio c'è solo l'imbarazzo della scelta, confezioni pronte per insalata di riso di tutti i tipi, light, vegetariano, tradizionale, moderno ... ma tutti con la stessa caratteristica, veloci.
Cuoci il riso, aggiungi il contenuto di un vasetto, scatoletta di tonno, mescoli e via, nel giro di un quarto d'ora la tua insalata è pronta, ma scusate il termine, fa schifo!!!
Ha un gusto contraffatto, anche se ci aggiungi altri ingredienti per cercare di darle un pò di personalità, non è sufficiente, resta una scarsa insalata di riso.
Ecco allora la mia versione, semplicemente lenta!
Zucchine, carote, piselli, cipolla, altre verdure a piacere, perfetti i fagiolini già precedentemente lessati, una scatola grande di tonno al naturale, capperi sotto sale, riso.
Metto a cucinare in un tegame con olio EVO le zucchine e le carote tagliate a dadini, la cipolla affettata e i piselli. Intanto che il riso cuoce, aggiungo alle verdure anche i fagiolini gia lessati e tagliati a pezzetti e lascio rapprendere e insaporire bene.
A questo punto unisco il riso con le verdure, i capperi ben lavati e asciugati, il tonno sgocciolato, mescolo abbondatemente e lascio raffreddare. L'insalata di riso lenta è pronta. Credetemi, l'ora in più che ci è voluta per tagliare a pezzetti le verdure e cucinarle, è pienamente ripagata.
Cucinare, come tutto del resto, ha bisogno di cura, tempo, passione e amore!

buon appetito

19 commenti:

  1. Un piatto estivo completo che, come te, preferisco condire con ingredienti più genuini e saporiti :)

    RispondiElimina
  2. Il tempo impiegato per cucinare con scrupolo, fa guadagnare in Salute e in Gusto.

    Ben Ritrovata Gaz

    RispondiElimina
  3. Perfettamante d'accordo! Anzi di più! Lo dico sempre a chi mi fa da mangiare che deve farlo con più cura...kiss

    RispondiElimina
  4. Ci aggiungerei una manciata di germogli di soia e poi mi tufferei a bocca aperta in questa insalatona. Ha un aspetto splendido, slurp!

    RispondiElimina
  5. Piatto veloce e gustoso, ideale in estate! Non ho mai aggiunto i capperi, ma nella prossima insalatona saranno tra i protagonisti.

    P.S. questa settimana il blog che condivido con la mia compare Chicca è in manutenzione, ma ti aspetto alla "riapertura"!

    RispondiElimina
  6. hai ragione, è che ci piacerebbe cucinare bene in furia e lontani dal fornello...

    RispondiElimina
  7. "Time is on my side" cantava Mick Jagger.... magari è un disastro sui fornelli però ha ragione (come te, d'altra parte ;-) )

    la proverò, un giorno che sono solo a casa perché se la faccio vedere alle mie figlie mi ripudiano (troppa roba verde....)

    RispondiElimina
  8. Eeeeeeeeh capirai! Quà ti frego!

    Ecco la ricetta del Sup.: vabbè la parte iniziale è uguale diciamo, sono gli ingredienti a fare la differenza, ossia...quando il riso è pronto, aprite il vs frigorifero e scaricateci dentro tutto!!!
    Fatto, bene! Ora abbuffatevi!

    Io amo metterci nel mezzo pure il wrustel (al bando facili doppi sensi), i capperi, carciofi e tanta maionese.

    Un mio amico mi confidò di averla digerita solo qualche anno dopo, durante uno scontro di gioco a calcetto, scapoli contro ammogliati...vabbé, ciauz

    Il Sup.

    RispondiElimina
  9. Stella, :-)
    Skip, d'estate, poi, la cosa è più semplice, vero! Ciao
    Paolo, grazie, anche a te!
    Aleph, eh eh eh, si si brigante!
    Du, sto scoprendo che sei una buona forchetta :-)
    Ross, cara lei, mi da sempre soddisfazione ;)
    Franz, buon lavoro allora, ti aspetto alla riapertura, dai che son curiosa :)
    giardigno65, it's impossible!!!
    Paolo, grazie caro! Per le figlie, ti capisco, con la mia ho dovuto lavorare ai fianchi :D
    Sup, Sup, tu sei tutto matto! Vada per i wrustel, echissenegrega dei doppi sensi, ma la MAIONESEEEE... tu si pazzz :-D

    RispondiElimina
  10. Dovresti assaggiare quella di mia madre, cotto con lentezza e amore, permette di far raggiungere alle papille gustative il massimo grado di eccitamento.
    A parte gli scherzi, l'insalata di riso è squisita e personalmente, da uomo, provo anche un certo grado di compiacimento nel sapere che una donna preparara con lentezza e attenzione le pietanze.
    Saluti.

    RispondiElimina
  11. ho ricevuto un premio, giorni fa e stamattina mi sono dedicata alla scelta dei 10 blog da premiare a mia volta. non ho mai partecipato alle cosiddette catene di Sant'Antonio, ma mi piace l'idea di poter suggerire ai miei lettori degli indirizzi che, a mio parere, meritano di essere visitati. il tuo, cara amica virtuale Gaz, è fra quelli. un bacione!

    RispondiElimina
  12. glom....è buono anche il farro cucinato in quella maniera lì.... :-)

    RispondiElimina
  13. Senza avere ancora provato a farlo come dici, ho già capito che hai ragione. Oddio che senso di colpa! sì, deve essere buonissimo e dopo-domani lo provo (sono in ferie e non ho scuse lol). Ma cos'è l'olio EVO?

    RispondiElimina
  14. extravergine d'oliva, un must di gaz!

    RispondiElimina
  15. Marinaio, :-), un caro saluto!

    Re, hai ragione, buono il farro e mi spingo oltre, volendo anche l'orzo! slurp

    Costanza, bella lei... grazie mille!
    Non te la prendi vero se i miei tempi sono, diciamo, biblici eheheh

    Licia, sensi di colpa? Cosa sono? proprio per quello che ho appena scritto a Costanza, questi sensi non li conosco più! :D

    Em, thanks, anche se ad onor del vero, credo proprio di aver copiato questo modo veloce di chiamare l'olio extravergine d'oliva, proprio da te ;-)

    RispondiElimina
  16. .... :-)... io non posso che essere d'accordo con te!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. @Pippi, per fortuna...:-)
    Ciao!

    RispondiElimina

Se possibile, non commentare come "Anonimo": nel sottostante menù a tendina è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi non ha un blog/sito può lasciare vuoto il campo "URL".