martedì 21 aprile 2009

In analisi?

Se ci penso, alcune cose che faccio sono proprio strane, strane strane.
E non dico strane per dire squilibrate o paranoiche.
No, sono solo strane.
Questa credo sia una delle più strane.
Se posso, non lavo i piatti. E fin qui niente di strano, direte, quanta gente non ama lavare i piatti, lo detesta proprio. Sono gusti.
Ma io se posso, volevo dire, non lavo i piatti quando sono pochi. A me piace lavare i piatti quando sono tanti, quando le pile di piatti sono almeno due o tre, pentole di tutte le dimensioni, bicchieri e posate per una squadra di calcio e un senso incredibile di disordine.
Questo vuol dire lavare i piatti.
Mi metto al lavandino e uno a uno i piatti lavati, i bicchieri e le posate scintillanti, le pentole sporche e unte tornare come nuove mi rincuorano, vedo un pò alla volta dal caos più assoluto tornare la calma, dal buio la luce, dalla confusione la quiete.
E proprio mentre lavo i piatti, medito.
Tanto che un giorno ho espresso a delle amiche il desiderio di fare la lavapiatti, perchè lavare i piatti mi rilassa e mi fa capire il senso della vita.
Loro però non mi hanno capita, hanno strabuzzato gli occhi e mi hanno detto "Sei strana, ma non pensavamo così strana!"

27 commenti:

  1. Qualità invidiabile, cara gaz.

    Detesto il caos cosmico di casa, provo invano a rimediarvi e vorrei tanto il genio di Mastro Lindo, che vede e provvede :)

    RispondiElimina
  2. io, invece, ti capisco perfettamente... dopo anni e anni di totale inutilizzo, ho dovuto buttare la lavastoviglie. non scherzo, è proprio così!

    RispondiElimina
  3. sì, sei strana!
    Per quanto mi riguarda la lavastoviglie è una delle invenzioni più utili che la mente umana abbia concepito

    RispondiElimina
  4. Giulia' te potrei rende felice ;)

    RispondiElimina
  5. Io invece li lavo sempre subito. Odio lavarne troppi.

    RispondiElimina
  6. A me succede più o meno la stessa cosa, di riflettere e rilassare i nervi, quando stendo i panni. Fili, mollette e vestiti bagnati mi snebbiano la mente.
    Potremmo metterci in società e aprire un'impresa di pulizie domestiche! :-)

    RispondiElimina
  7. Capisco, anche se penso all'inventore della lavastoviglie come deve sentirsi dopo questo tuo post. Mediterà anche lui magari pensando che in fondo avrebbe fatto meglio ad andarsene in analisi. In effetti, se mettiamo le stoviglie ad autolavrasi, come ci meditiamo sù. Questo tuo post mi mette in allegria. Strano? Non so. Forse vado in analisi anch'io. Ciao!

    RispondiElimina
  8. Non raggiungo i tuoi livelli di perversione però anche a me lavare i piatti,a volte,da un senso di rilassatezza e stimola la mediazione.Ricondurre una situazione di caos all'ordine,restituire l'ingovernabile al nostro controllo e al nostro volere è una medicina che dall'aspetto pratico trasmigra velocemente anche alla nostra psiche.
    Tempo fa lessi che Katharine Hepburn sosteneva che la sua cura contro il malumore era strofinare pavimenti.Spero che da questo momento tu ti senta più normale :)

    RispondiElimina
  9. AZZZZZZZ...io e te ci dobbiamo conoscere, non tanto per i piatti ( metto in lavastoviglie anche un solo cucchiaino...), ma per l'attinenza della cosa. Infatti a me piace un sacco pulire la cucina : lucidare l'inox, incerare le ante, far luccicare il piano lavoro. In famiglia lo sanno e mi lasciano sempre un campo di battaglia. Io dico sempre che è il mio esercizio ZEN quortidiano. Credo che il tuo 'lavare pile di piatti e pentole' sia la stessa cosa.

    RispondiElimina
  10. Pensavo ti mettessi a parlare di multivariabili e limiti di Taylor. simo.

    RispondiElimina
  11. Lavare i piatti e' una delle cose peggiori che talvolta mi capita di fare.
    Mi rilasso con gli hobby che sai, ma tra i lavori domestici quello che mi scoccia di meno e' stirare.
    Pero' a differenza di te, per fare il parallelo, quando il "mucchio" raggiunge circa un metro quadro di volume comincio a scoraggiarmi e quasi non vorrei neppure iniziare.
    In analisi per cosi poco????? Ma che dici, matta!
    (si scherza :-))) )

    RispondiElimina
  12. Tutto il mondo dovrebbe andare in analisiiiii!!!!!!

    RispondiElimina
  13. sì, è così. visto da vicino, nessuno è normale. per fortuna. p.s. io li lavo in tempo reale, altrimenti rischio di non farlo proprio più... metto la moka al fuoco e intanto li lavo.

    RispondiElimina
  14. Strano è un vocabolo che sto eliminando al mio vocabolario. Tic o manie quotidiane ce le abbiamo tutti. Mi preoccupa piuttosto quelli che sistupiscono delle stranezze altrui...e poi sono ciechi di fronte alla proprie :-)

    RispondiElimina
  15. Gaz ti capisco: le migliori idee o soluzioni mi sono venute lavando i piatti!

    RispondiElimina
  16. Che tu ci creda o no, ha un senso questa tua "mania".

    RispondiElimina
  17. Skip, se riesci ad avere il suo numero, dallo anche a me :-)

    Cristina, io la uso invece, ma poco, diciamo che non mi da soddisfazione ;-)

    Thelonious, io per prima metto sicuramente la...LAVATRICE!!! (ti rivelo un'altra stranezza, a volte mi capita di mettermi davanti all'oblo della lavatrice e guardare girare la biancheria, anche 10 minuti mi è successo hihihi)

    Fausto, e ce lo sò! si si ;-)

    Du, vedi ... e son gusti! Ciao :)

    River, se ti ha fatto allegria, allora tutto bene! Niente analisi. he he

    Jaeneada, esattamente quello che volevo esprimere! Grazie della comprensione :-) ciao

    RispondiElimina
  18. Aleph, stessissima cosa. Cosa dici fondiamo una scuola zen... Ciao

    Simo, multi che??? Taylor non è un cantante? :D

    Suby, come ti capisco! Io mi scoraggio quando vedo la sedia con la biancheria da stirare che tracima eheh

    Ilaria, intanto ciao, poi prendiamo appuntamento :)

    Em, per fortuna, davvero!
    Una tazza di caffè, grazie. ;)

    Caigo, io non mi sorprendo più di nulla, comincio da me, ovviamente! ciao

    Filo, ecco, capito! ah ci sei... ciao!

    Paloz, ah è così eh? Adesso non vai via se non me lo spieghi!!! Contenta di risentirti, ciao

    RispondiElimina
  19. Ross, amica mia, ti ho perso per la strada...:(
    Ecco un'altra proposta interessante, e se poi ci mettiamo a chiaccherare, chi le fa le pulizie domestiche :D
    ciao

    RispondiElimina
  20. anch'io trovo rilassante lavare i piatti: è un buon momento per starsene tranquilli a pensare. soprattutto, quando lavi i piatti, nessuno viene a disturbarti, per il timore di essere invitato ad asciugarli.

    RispondiElimina
  21. posso chiamarti quando si guasta la lavastoviglie? ti garantisco un approvvigionamento di piatti più che adeguato :-)

    RispondiElimina
  22. Costanza, è vero, non ci avevo pensato, per quello quando lavo i piatti tutti stanno alla larga..eheheh, ciao cara

    Paolo, apprezzo davvero la tua disinteressata generosità, sei un amico :P

    RispondiElimina
  23. la soddisfazione di pulire la piastra del gas tutta unta e bisunta, ove la mettete? Penso che meditiamo (c'è chi canta) ogni volta che facciamo una cosa che non occupa la mente ma solo le mani in modo meccanico...come quando ci facciamo la doccia

    RispondiElimina
  24. Allora strani siamo in due... Anzi, tre!
    Sì, perchè parlando un giorno con il filosofo Giulio Giorello ho scoperto che anche lui fa i piatti e medita.
    Parlando abbiamo scoperto che lavando i piatti riusciamo a trovare forme di meditazione molto simili al raccoglimento spirituale.
    In più, cosa non trascurabile, c'è la soddisfazione "dell'inversione entropica".
    Violare cioè il terzo principio della termodinamica, far tornare pulito quel ch'è sporco, ordinato quel ch'è caos.
    Infine, ma questo vale per me, c'è il gusto di creare - mettendo il tegame e le stoviglie a scolare sul lavello - strane installazioni e sculture "postmoderne", che si reggono su un equilibrio delicatissimo e precario. A volte troppo...
    Ciao, D.

    RispondiElimina
  25. Ciao Matteo, esattamente...
    Bentrovato e a presto!

    Paul, mi hai fatto una rivelazione importante:
    anche i filosofi lavano i piatti... :)
    Grazie delle tue definizioni, da oggi non dirò più vado a lavà i piatti, ma faccio un pò di "inversione entropica" eheheh, vuoi mettere!
    Scherzo, e grazie davvero dei tuoi commenti.
    Ciao :)

    RispondiElimina
  26. ciao gaz,
    vengo a restituirti la visita :-)
    e ti scrivo qui, mi associo a chi ti dice che non sei la sola... Io non lavo più troppo spesso piatti perché uso lavastoviglie, ma quando lo faccio ti confermo che, oltre alla soddisfazione del pulito, ho modo di pensare, meditare.... e, non mi pesa affatto! (mentre ci sono altre cosette di casa che faccio meno volentieri!:-))
    un saluto,
    g

    RispondiElimina
  27. Giovanna, ti capisco, varie cosette di casa che non amo fare... eheheh
    Ciao e a presto

    RispondiElimina

Se possibile, non commentare come "Anonimo": nel sottostante menù a tendina è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi non ha un blog/sito può lasciare vuoto il campo "URL".