sabato 21 marzo 2009

sabato mattina

Ogni tre sabati tocca a me. Mi spiego.
Al lavoro si fanno i turni di sabato e cioè praticamente una volta al mese, quindi non posso lamentarmi.
Ma quando arriva quel sabato, come oggi, vorrei sprofondare.
Già mi sveglio con la luna di traverso, tanto stavo bene a letto, ovvio che poi la giornata faccia fatica ad ingranare.
Stamattina, per esempio, non ingranava proprio.
La macchinetta del caffè non voleva saperne di farmi un caffè decente, sputacchiava acqua sporca.
Dopo alcune imprecazioni, pacche energiche e tentativi di manutenzione, ha pensato bene di farmi un caffè ristrettissimo e amaro anche con tre cucchiaini di zucchero.

Mi avvio, la strada è deserta, poco movimento in giro alle 8 del sabato mattina, tutte le persiane delle case ancora chiuse, la gente riposa, pochi assonnati automobilisti. In fondo all'orizzonte una vista meravigliosa, il contorno delle montagne innevate, il vento freddo ha spazzato ogni nube e il cielo è limpidissimo... che poesia!
Ma l'estasi dura ben poco.. in lontananza i lampeggianti della polizia... ingorgo... incidente.
All'incrocio c'è un'auto accartocciata, spiaccicata addosso ad un lampione.
Non deve star molto bene il conducente.
Magari stava guardando le montagne all'orizzonte e pensava beh, non è poi così male il sabato mattina...
Arrivo al lavoro e penso che per prima cosa devo bere subito un altro caffè, ma buono stavolta!

20 commenti:

  1. La settimana lavorativa dovrebbe chiudersi per tutti il venerdì sera, scuola compresa.
    Buon weekend

    RispondiElimina
  2. Quando lavori di Sabato in quale giorno recuperi?
    Perchè recuperi, vero?
    Buona Domentica, roberta.

    RispondiElimina
  3. Eh sì, bellissime montagne stamattina. Anche io fino a qualche anno fa lavoravo un sabato ogni tre e quel sabato era meglio non mi trovassero allo sportello! :-)
    Quanto agli incidenti... mi fanno star male ogni volta...

    RispondiElimina
  4. mmmm...la luna storta!!!Un modo di dire tutto da scoprire. Solo le donne, che sono notoriamente lunatiche per dritto e per rovescio, ce l'hanno o anche gli uomini soffrono di questo inconveniente? Mah!
    Coraggio Gaz, il sabato è passato, anche quello del villaggio!E domani una bella domenica di primavera! Ciao ;)

    RispondiElimina
  5. Compagni! ricordate che ci sono lavoratori (commercio) che lavorano da sempre il sabato e tutto il giorno tra l'altro, con solo mezza giornata infrasettimanale di riposo, che ora per molti è stata tolta, rimanendo con solo la domenica come giorno di riposo. Meditate.
    Buona domenica, appunto.

    RispondiElimina
  6. Arzach, eh si, ci vuole proprio resistenza :-)

    Lucien, purtroppo vedremo le scuole chiuse non solo il sabato ma anche gli altri giorni della settimana andando avanti così, ma solo quelle pubbliche però! :(

    Gturs, recupero la domenica eheheh, scherzo,
    veramente dovrei lavorare anche il sabato ma a turno stiamo a casa facendo due rientri pomeridiani alla settimana! ciao

    Thelonious, allora capisci il mio umore! Un collega che capisce quando sono "pericolosa" stamattina mi ha detto "scusa, non voglio disturbarti, ti disturbo solo un secondo, per piacere, potresti gentilmente..."
    :D

    Filo, si è passato valà, ma la luna non si è raddrizzata del tutto, diciamo che pende un pò... Ma da te, in Liguria non fa freddo? Qui l'aria e bella frizzante ma fredda fredda. Si sta bene all'aperto nelle ore centrali della giornata e poi ancora con la giacca invernale!
    Buona domenica a te.

    Novalis, bisogna proprio meditare! (ma scusa, sarai mica invidioso? he he)

    RispondiElimina
  7. Forza che domani si bradipa!

    RispondiElimina
  8. C'è chi come il sottoscritto lavora anche le domeniche più festivi vari (vedi Natale). Di buono c'è che puoi recuperare quelle ore nei giorni feriali...ed è una soddisfazione non da poco.
    Girare (per lavoro) nei giorni festivi poi è quasi piacevole. Non incroci automobilisti stressati e frettolosi...ovviamente si spera di non trovare l'incidente di turno

    RispondiElimina
  9. Quando la macchinetta del caffè "sputacchia" solo qualche goccia di acqua sporca, anzichè prenderla a "pacche", io la passo sotto un getto di acqua fredda (solo la parte inferiore, ovviamente) per una manciata di secondi prima di rimetterla sul fornello. Di solito così si sblocca e il caffè viene fuori...Hai mai provato?
    Buona domenica...

    RispondiElimina
  10. Skip, brava, sto proprio bradipando :-)

    Caigo, ti ammiro, sai vedere il lato positivo delle cose! Io a volte sò accecata ;-)

    Cris, grazie del consiglio, ma quella ieri l'ho mezza uccisa, la macchinetta volevo dire eheheh!

    RispondiElimina
  11. Uff, guardate che dire a chi ha una struma : c'è sempre di peggio! non è che sia molto consolante...però lo dico anche io va, meglio lavorare un sabato su quattro che non lavorare per niente. Anzi , meglio non lavorare per niente se si potesse!

    RispondiElimina
  12. Lavorare stanca, diceva quel grande poeta. E ci vedeva dentro bene...

    RispondiElimina
  13. Ciao Giuly! In queste giornate soleggiate, nonostante il freddo, farei volentieri a meno di stare a letto (ma mi tocca, purtroppo)... mmm... assonanza, guarda un pò! Comunque, la primavera si avvicina e presto anche ciò che d'inverno ci sembra più sgradevole, ci apparirà più dolce e sopportabile. In primavera è più facile sorridere... Bacio, Simo

    RispondiElimina
  14. si e' dura ma e' cosi'
    forza bisogna lavorare , purtroppo
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  15. Oggi torno al lavoro dopo una settimana di ferie.Conoscete una sensazione più negativa? (se si esclude quella del tipo spiaccicato al lampione,ovviamente)

    RispondiElimina
  16. Ti capisco ,eccome seti capisco...a me tocca anche la domenica..sigh!

    RispondiElimina
  17. Aleph, ma dai! mi hai quasi convinta ;)

    Alligatore, e si sa che i poeti hanno sempre ragione!

    Simo, per fortuna ogni tanto ti fai viva!
    Me raccomanno, curate. Un grosso abbraccio

    Michele, già! ciao e a presto.

    Jeanada, ah ecco dov'eri... Si la conosco quella sensazione, orribile, quasi meglio non andarci in ferie he he he

    Re, pacca sulla spalla, amico! :)

    RispondiElimina
  18. In fondo e' tutto questione di abitudine.... Io per esempio, dopo anni e anni, mi devo ancora abituare a lavorare ben 5 giorni la settimana :-))

    RispondiElimina
  19. Ciao Suby, così tantiii? :))

    RispondiElimina

Se possibile, non commentare come "Anonimo": nel sottostante menù a tendina è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi non ha un blog/sito può lasciare vuoto il campo "URL".