sabato 4 ottobre 2008

fegato alla veneziana

Oggi ho deciso di fare questo piatto e mi dispiace per i vegetariani che non potranno apprezzarlo, ma una volta ogni tanto vi assicuro che meriterebbe....
500 grammi di fegato di vitello, più morbido, 2 belle cipolle bionde, ma oggi a casa avevo solo quelle rosse, buone uguali, ma dal punto di vista cromatico si confondono con il colore del fegato (come si suol dire anche l'occhio vuole la sua parte).
Taglio le cipolle sottili, le metto a cucinare con olio sale e pepe, aggiungo un pò d'acqua e le lascio appassire, devono diventare quasi tasparenti, tempo di cottura 10 minuti.


In questi 10 minuti preparo il fegato, lo taglio a striscioline, levando eventuali pellicine e nervature.


Unisco quindi il fegato alle cipolle, aggiungo un cucchiaio di aceto di vino e ancora un pò d'olio extra vergine di oliva, aggiusto di sale e pepe. Cucino 5 minuti a fiamma viva, mescolando. Non lasciare cucinare di più perchè altrimenti il fegato diventa duro e amaro.
Servire subito ben caldo, la sua morte con la polentina.
Come vedete però stasera niente polenta, la mia dispensa ne era sprovvista... vada per il pane scaldato sulla piastra.


Ah dimenticavo, in dialetto veneto fegato si dice figà.

26 commenti:

  1. Mia mamma lo cucina spesso e io (come sempre) faccio onore alla tavola.
    Adoro le tue ricette, Gaz! :-p

    P.S. In bergamasco è "fidèc".

    RispondiElimina
  2. Fegato??
    Sto ripensando seriamente alla faccenda di auto-invitarmi a casa tua.. Senza offesa per la cuoca, eh.
    Mi prenoto ancora una volta per una cotoletta. :D

    RispondiElimina
  3. Gaz, qui dobbiamo organizzarci ed educare un certo Paloz di nostra conoscenza alla cucina come si deve.

    Paloz, ricorda che l'uomo è ciò che mangia: non vorrai mica essere una misera cotoletta, vero? ;-)

    RispondiElimina
  4. Pensavo si dicesse "fegatò". Per chi non ama il fegato come me, cosa consigli? Anche se, ritengo, per una volta potrei provare. Mi accontenterei magari delle sole cipolle. Povero me!

    RispondiElimina
  5. Cara Ross, mi hai proprio tolto la parola, non sò più cosa fare co sto ragazzo, e il fegato no, il pesce neanche, le melanzane non ne parliamo... Solo cotolette e cotolette.
    Ha bisogno di essere disintossicato :P

    Paloz, mi hai capito, mi hai???
    Bacione

    Oh River, anche tu :)
    A te invece consiglierei il cuore, in tegame con rosmarino, salvia e uno spicchietto d'aglio... buonissimo!
    Buona domenica

    RispondiElimina
  6. Ehehe. In realtà io non vado pazzo per le cotolette. Sono un po' il mio ideale di "pasto semplice". Era per non farti lavorare. :)
    @Ross: vorresti che fossi un fegatazzo, invece?? A sto punto mi mangio un fico.

    Comunque sia, buona domenica a tutti!

    RispondiElimina
  7. @Paloz: ahahah! Guarda che nell'antichità il fegato di certi animali, soprattutto della cacciagione, era considerato un cibo capace di trasmettere a chi lo mangiava le virtù dell'animale cui apparteneva: ad esempio si era convinti che il fegato del cervo (bestia dal carattere fiero e dal portamento elegante e regale) donasse nobiltà, forza e coraggio. Pare che il modo di dire "avere fegato" derivi proprio da questa credenza.
    Fossi in te un pensierino su questa ricetta lo farei... :D

    Ciao ciao

    RispondiElimina
  8. Una variante prevederebbe l'uso dello scalogno al posto della cipolla. Forse è una soluzione troppo "pregiata" ma il profumo ci guadagna.
    A quando le sardee in saor? :-)

    RispondiElimina
  9. Adoro lo scalogno, ma come vedi la mia cucina ha un limite: quello che che c'è in casa, mi dimentico sempre di comprare qualcosa ed allora... mi arrangio ;-)
    Per la sardee, ti accontento subito

    Ciao

    RispondiElimina
  10. Hummmm.... a me non piace tantissimo il fegato, ma messo così mi viene appetito, con tutto che son quasi le due del mattino...

    @Ross e Paloz: come direbbe il caro Lecter: "Mangiai il suo fegato con un piatto di fave e un buon Chianti".
    Se lo fa lui che è un buon gustaio, mi sa che un fegato di vitello tocca anche a noi!
    :-P

    Mario l.

    RispondiElimina
  11. Fedèg [modenese]
    Non ci sono piatti caratteristici col fegato qua in regione, quindi tanto vale usare la tua ricetta (che un po' conoscevo).
    Bravissima, ciao

    RispondiElimina
  12. sono sicuro che è buono ma finchè c'è la foto del fegato sul blog non verrò più a farti visita ;)
    Fausto.

    RispondiElimina
  13. Mario, che onore, hai scomodato persino il buon Lecter ;)

    Lisa, bentrovata

    Suby, pausa pranzo ehhh :)

    Anonimo, anche anonimo sei diventato mò, solo perchè ho messo una innocente foto di fegato a pezzi... :P
    Questa non me la dovevi fare!

    RispondiElimina
  14. Hem... passo la mano. Facciamo che mi auto-invito a casa tua per un assaggio di qualche dolce, ok? :-)

    RispondiElimina
  15. Deve essere buonissimo. Quanto prima metteremo in pratica questa ricetta.
    A proposito lo sapete che la parola "fegato" non fa rima con nessun'altra parola in italiano?

    OT
    Volevi che mettessi sul mio blog qualcosa dalla Liguria? Eccoti accontentata.

    RispondiElimina
  16. Viviana, mi sà che per i dolci dovrò venire io da te, non sono il mio forte :(
    Diciamo che io preferisco il salato... CIAO

    Alberto, ciao, tu devi essere una buona forchetta;)
    No, non sapevo che fegato non fà rima con niente, belle ste cose, mi incuriosicono sempre ...

    OT
    ti ringrazio comunque delle bellissime foto che hai messo sul tuo blog, ma io mi riferivo a "dialettevole" stiamo aspettando lì un tuo post sul dialetto ligure. :)
    a presto

    RispondiElimina
  17. Gaz, surreal boy fa così, bisogna accettarlo per quello che è (ma non sei obbligata)...tanto arriverà il giorno non lontano in cui lo vedrò addentare una fiorentina alta tre metri. Ne sono sicurissima. Che poi questa posizione non la capisco, sensi di colpa verso le piante recise, no?! Solo perché non gemono e non perdono sangue...
    Vabbè.
    w Il fegato e cipolle, w la fiorentina, w il filetto, w la carne di cavallo, w il pollo e peperoni, w le scaloppine con crema di latte, w straccetti e rucola, w arrosto e salsa all'aceto balsamico, w cannelloni con la carne, w McDonald e i suoi cheesburger, Big Mac spaccafegato.

    RispondiElimina
  18. Io lo preparo domani sera... ho amici non vegetariani che quasi lo venerano!
    Ti farò sapere :-D

    Penso che aggiungerò i chiodi di garofano e l'erba cipollina

    RispondiElimina
  19. Dr Feelgood, si con piacere, fammi sapere con l'aggiunta di questi ingredienti come viene, sono curiosa :)
    Mi raccomando però metti parecchia cipolla.

    ciao

    RispondiElimina
  20. 3 cipolle
    4 chiodi, erba cipollina e timo... VINO A GOGO

    Si sono leccati pure il piatto e... ti ho fatto pubblicità!

    Penso che metterò il link alle tue ricette nel mio sito.

    Grazie Gaz :)

    RispondiElimina
  21. Dr Feelgood, ma grazie.
    Bene, ho piacere che i tuoi ospiti abbiano gradito, queste sono le sperimentazioni che mi piacciono, non quella di cucinare il risotto sul fornetto a microonde o pentola a pressione.
    Vai a leggerti i commenti a questo post .
    Ciao :)

    RispondiElimina
  22. domenico capussela25 aprile 2009 12:49

    sono un vecchio(1930)veronese, mia mamma lo fasciava con la "rete" pleura del maiale oggi introvabie.
    Domenico Capussela
    capussela@fastwebnet.it

    RispondiElimina
  23. Domenico, non sapevo di questa usanza.
    La ringrazio tantissimo del commento, spero vorrà tornare.
    E non dica vecchio, ma una persona che un passato pieno di ricordi e un presente pieno di curiosita...

    A presto

    RispondiElimina
  24. It’s really a nice and helpful piece of information. I’m glad that you shared this helpful info with us. Please keep us informed like this. Thanks for sharing.

    nolvadex

    RispondiElimina

Se possibile, non commentare come "Anonimo": nel sottostante menù a tendina è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi non ha un blog/sito può lasciare vuoto il campo "URL".